HOME

Shiatsu tra Arte e Scienza

  • h_sds16_home1a
  • h_sds16_home2a
  • h_sds16_home3
  • h_sds16_home4b
  • h_sds16_home4d
  • h_sds16_home5b
  • h_sds16_home6
  • h_sds16_home7
  • h_sds16_home8
  • h_sds16_home9
  • h_sds16_home10
  • h_sds16_home11
  • h_sds16_home12
  • h_sds16_home13
  • h_sds16_home14
  • h_sds16_home15
  • h_sds16_home16
  • h_sds16_home17
  • h_sds16_home18
  • h_sds16_home18b
  • h_sds16_home18c
  • h_sds16_home18d
  • h_sds16_home19
  • h_sds16_home20
  • h_sds16_home21
  • h_sds16_home22
  • h_sds16_home23
  • h_sds16_home24
  • h_sds16_home25
  • h_sds16_home26
  • h_sds16_home26b
  • h_sds16_home27
  • h_sds16_home28
html5 slider by WOWSlider.com v5.3m

Che rapporto esiste, oggi, tra arte e scienza? E in che modo il rapporto tra discipline scientifiche e discipline umanistiche si è evoluto nel corso dei secoli?

Una cesura netta tra i due mondi in realtà è subentrata solo in epoca moderna. Meno di un secolo prima, Leonardo da Vinci, al quale siamo legati per il nostro logo, celebrava con la sua opera geniale la coincidenza massima tra arte e scienza.

L’Arte come percorso di crescita e scoperta di se stessi è storicamente noto, ora anche la ricerca volta dall’Istiututo Clinica Humanitas di Milano che ha provato come il BELLO può avere effetti positivi sulla mente umana anche più potenti dei farmaci. E’ capace di farci sentire meglio, risollevarci l’umore e prevenire situazioni di malessere e scoraggiamento.

Un’opera d’arte mette in moto nel suo osservatore stimoli nuovi ed emozioni che vanno oltre la quotidianità e attivano nuove consapevolezze.

 

La più bella sensazione è il lato misterioso della vita. È il sentimento profondo che si trova sempre nella culla dell’arte e della scienza pura.

(A. Einstein, Come io vedo il mondo)

 

Un altro indizio significativo della originaria assenza di ogni dualismo tra arte e scienza è rinvenibile nel termine greco “techne”, l’equivalente del latino “ars”, che significa “arte”, ma anche “tecnica”; come pure nella definizione che Ippocrate, nel V secolo a.C., dava della medicina,
Si tratta di due forme di conoscenza distinte tra cui tuttavia esiste correlazione e compenetrazione; due atti cognitivi, basati rispettivamente sull’intuizione e sulla ragione, che corrispondono ad ottiche diverse, a modi diversi di esperire il reale.

Anche la pratica dello Shiatsu, antica arte per la Salute, ci mette in uno stato di percezione diverso, come una passeggiata in un museo ci permette di rallentare il ritmo della vita quotidiana, crea un spazio speciale dove la comunicazione con l’esterno rallenta per dare spazio all’ascolto dell’esperienza che stiamo vivendo nella nostra interiorità.

Su questo tema si svilupperà la “Settimana dello Shiatsu 2016”, ormai alla sua V edizione, sull’onda dell’esperienza maturata negli scorsi anni e della fiducia ricevuta attraverso le tantissime manifestazioni di simpatia e gli innumerevoli quanto importanti patrocini raccolti, articolandosi in una serie di offerte al pubblico al fine di far conoscere le potenzialità di questa Antica Arte per la Salute e sviluppare il tema scelto quest’anno.

Come sempre la Settimana si articolerà in tre momenti principali

 

studi aperti1 STUDI APERTI scuole aperteSCUOLE APERTE eventiEVENTI