SHIATSU

L’Operatore  risponde …..

Cos’è lo Shiatsu?

15

Una delle espressioni più usate per definire in sintesi  lo  shiatsu è “una grande arte per la salute a mediazione corporea”. E’, quindi,  una pratica manuale, autonoma, rivolta alla salute e al benessere della persona, che affonda le sue radici nelle antiche tradizioni culturali orientali e nelle prassi di cura  tramandate nelle famiglie di generazione in generazione, arricchitesi nei secoli degli influssi della Medicina cinese, anch’essa tradizionale, e del pensiero filosofico taoista. 

Sviluppato in Giappone agli inizi del secolo scorso, da dove poi si è diffuso in tutto il mondo, lo shiatsu  si realizza mediante precise sequenze di pressione sul corpo, mantenute e costanti  (dal giapponese shi = dito e atsu = pressione). Si effettua con il pollice, ma è possibile anche usare altre parti del corpo come il palmo, il gomito, l’avambraccio, il ginocchio.  Il trattamento permette di stabilire un dialogo non verbale tra i due intenso,  efficace e profondo, dentro il quale si stabilisce rispetto,  fiducia, sostegno, presenza, ascolto, empatia, unità.

 

Come interviene lo shiatsu?

0084

Nelle Medicine orientali le malattie sono considerate in qualche modo uno squilibrio delle condizioni energetiche dell’individuo e lo shiatsu, attraverso la pressione, mette ordine e ripristina un riequilibrio armonioso. Non è una pratica invasiva, non nuoce ed è molto gradevole da ricevere. E’ un mezzo eccellente per il benessere psicofisico della persona, senza assolutamente avere la pretesa di sostituire le pratiche mediche,  necessarie per la cura delle patologie. Lo shiatsu non si sostituisce, ma integra; la sua azione diventa sinergica alla pratica medica, quando questa c’è.

 

Qual è  lo scopo dello Shiatsu?

11

Lo scopo dello shiatsu è riconoscere le proprie qualità, educare alla responsabilità della propria salute, acquisire un consapevole rapporto con l’ambiente esteriore  ed  interiore. Con lo shiatsu abbiamo modo di sperimentare che  corpo, mente e spirito ci appartengono non separati fra di loro ma come unità; pertanto, assume una visione olistica dell’essere umano.